ricerca

MAGAdeSIGN - Dai Negozi di Mobili Design
Tendenze

Qual è la vera differenza fra letto imbottito e letto in legno?

Come scegliere al meglio il letto matrimoniale o singolo

Dormire bene significa vivere bene. Come puoi affrontare al meglio la giornata, se non hai dormito o hai dormito male? Capirai quindi quanto sia importante scegliere un letto comodo e di alta qualità, che ti permetta di riposare come si deve. D'altra parte, anche l'occhio vuole la sua parte: il tuo letto dev'essere sì comodo, ma anche in linea con i tuoi gusti e con il resto dell'arredamento. Come conciliare queste due esigenze?

Scegliere un letto significa decidere che cosa significano comodità e stile per te. Sei un tipo dai gusti classici, che ama i letti in ferro battuto di una volta? O magari preferisci soluzioni dal sapore etnico, come ad esempio i futon giapponesi? La vera lotta, però, è tra due macrocategorie di letti: i letti in legno e i letti imbottiti. Se stai cercando un letto, è probabile che alla fine il tuo dubbio sia tra queste due tipologie.

Come da nome, i letti in legno sono realizzati interamente in legno massello. Grazie all'uso di un materiale naturale e resistente, sono longevi e robusti, l'ideale per accompagnarti vita natural durante. I letti imbottiti hanno invece una struttura morbida, rivestita con tessuti di vario genere. Sono morbidi e versatili, adatti a chi cerca il massimo del comfort. Inoltre l'assenza di angoli vivi li rende a prova di bambino.

La scelta è difficile: sia i letti imbottiti sia i letti in legno hanno i loro pro e i loro contro. Per aiutarti a prendere una decisione informata, vediamo insieme le caratteristiche di queste tipologie così diverse tra loro.

Letti imbottiti classici eleganti

I letti imbottiti classici sono eleganti nella loro semplicità. Sono letti rettangolari e di misura standard, con testiera o senza testiera. Sono disponibili nella versione matrimoniale, ma anche in quella alla francese e singola. Grazie al loro design, sono l'ideale se cerchi uno stile che sia al contempo essenziale e romantico.

Quando si parla di letti in legno imbottiti, la prima parola che viene in mente è "morbidezza". I modelli di questo tipo sono infatti caratterizzati da una struttura in legno o in ferro, dotata di imbottitura in poliuretano espanso e fodera. A seconda del letto scelto, il rivestimento può essere sfoderabile oppure no. Sono inoltre disponibili in una vasta gamma di materiali, per sposarsi con tutti i tipi di arredamento.

I letti imbottiti classici sono la scelta perfetta se stai cercando un letto prima di tutto versatile. Scegliendo un modello di alta qualità, potrai infatti cambiare la copertura del rivestimento come preferisci. In questo modo sarà più facile avere un letto pulito, igienicamente impeccabile e sempre diverso. Tra le opzioni più apprezzate ci sono i rivestimenti in eco-pelle, ma negli ultimi anni sta trovando spazio anche il velluto.

Letti imbottiti con rivestimento in velluto

Il velluto è un rivestimento molto apprezzato sia per i divani sia per i letti imbottiti. È un tessuto elegante e che si sposa bene soprattutto con gli arredi più classici. Grazie alle impunture proprie di questi rivestimenti, si adatta sia ai letti imbottiti rettangolari sia a quelli di altre forme.

Sono disponibili rivestimenti di velluto in numerose tonalità, anche se quasi tutte scure. Si usa soprattutto il velluto nero, blu e bordeaux, ma c'è sempre spazio per una ventata di novità. L'importante è che tu scelga un rivestimento di alta qualità, piacevole al tatto e che sia un piacere da accarezzare.

I letti imbottiti di velluto hanno due difetti rispetto a quelli in eco-pelle: attirano più polvere e sono molto caldi. In inverno è un piacere rintanarsi in un letto di legno imbottito tiepido e morbido. In estate può essere più problematico. Ecco perché è meglio che tu scelga modelli con rivestimento rimovibile.

Letti imbottiti con rivestimento in lino

Se stai cercando un buon compromesso tra eleganza, prezzo comunque accessibile e comodità, punta sul lino. I letti imbottiti classici con rivestimento in lino sono caldi in inverno e freschi d'estate, così da risultare confortevoli in ogni momento dell'anno.

Il lino è una fibra 100% naturale, versatile e resistente. La naturale robustezza del lino rende questi rivestimenti durevoli, in grado di resistere al passare del tempo. La caratteristica più apprezzata del lino è però la sua capacità di adattarsi al clima esterno. Grazie alle sue proprietà termoregolanti, il lino è fresco in estate e caldo in inverno. Ciò significa che il tuo letto avrà un microclima sempre perfetto, in qualunque momento dell'anno.

I letti imbottiti in lino si sporcano molto più lentamente di quelli rivestiti con altri tessuti. Il lino tende infatti a non accumulare cariche elettriche, quindi non attira né polvere né lanugine. Per questo motivo è una scelta indicata in particolare per chi soffre di allergia alla polvere.

Letti imbottiti con rivestimento in eco-pelle

La pelle è un materiale di lusso, il che comporta dei prezzi fuori dalla portata di gran parte delle persone. Una valida alternativa è l'eco-pelle, che ha molti dei vantaggi della pelle vera senza il suo costo. I letti imbottiti rivestiti in eco-pelle sono eleganti, belli e anche igienici.

L'eco-pelle attira molta meno polvere rispetto i tessuti tradizionali, il che la rende perfetta anche per chi soffre di allergia. Basta inoltre una spugnetta umida per ripulire il letto, anche senza smontare tutto. Se hai scelto un modello con rivestimento in eco-pelle scamosciata, invece, ricordati di dare una leggera spazzolata di tanto in tanto.

Nonostante l'eco-pelle sia facile da pulire, è comunque consigliabile scegliere un modello con rivestimento rimovibile.

Letti singoli imbottiti economici

Stai arredando una cameretta? In commercio sono disponibili moltissimi letti singoli economici, adatti alle camere dei più piccoli o a quelle degli ospiti. Sono letti di alta qualità ma dai prezzi accessibili, adatti quindi anche a camere di cui magari dovrai cambiare l'arredamento in relativamente pochi anni. Grazie però alle loro linee semplici, riescono ad aggiungere un tocco di eleganza anche a queste stanze.

Che caratteristiche hanno i letti singoli imbottiti economici? Prima di tutto, hanno design elementari. Sono letti classici rettangolari, con o senza testiera. È raro che abbiano decorazioni in metallo o legno, che spingerebbero il prezzo verso l'alto. Anche le personalizzazioni sono fuori discussione: i modelli economici hanno misure standard 90x200 cm, perfette per buona parte della popolazione. Grazie a questi due piccoli compromessi e a materiali molto semplici, puoi avere un bel letto a un prezzo contenuto.

Per lo scheletro del letto singolo imbottito si preferiscono legni economici, che garantiscono comunque un ottimo sostegno. Per il rivestimento, invece, si usano in prevalenza eco-pelle, tessuti sintetici e tessuti economici. Molti di questi modelli non sono sfoderabili, quindi l'eco-pelle potrebbe rivelarsi una soluzione igienicamente migliore.

Letti imbottiti con rivestimento in microfibra

I tessuti sintetici potrebbero far storcere il naso a tanti puristi, ma hanno il pregio di essere belli e pratici, oltre che economici. Gran parte dei tessuti di questo genere sono 100% polipropilene, un polimero termoplastico resistente sia all'abrasione sia al calore.

I rivestimenti per letti in legno imbottiti ottenuti con questa fibra sono molto robusti, adatti quindi alle stanze di piccoli terremoti su due gambe. Sono inoltre smacchiabili, irrestringibili, anallergici e antibatterici. Ciò li rende adatti anche a chi soffre di allergie alla polvere e a chi ha animali in casa.

In alternativa al polipropilene, puoi scegliere il poliestere. Attenzione però a scegliere un trattamento antimacchia e idrorepellente. In questo modo la manutenzione sarà più facile anche in caso di rivestimento non rimovibile. Se invece il rivestimento fosse rimovibile, potrai lavarlo tranquillamente in lavatrice a 30°, senza temere che si restringa.

Letti imbottiti con rivestimento in cotone

I letti in legno imbottiti con rivestimento in cotone sono economici, freschi e naturali. Il cotone è infatti un tessuto traspirante e leggero, che assorbe l'umidità e resiste anche a numerosi lavaggi. La sua qualità e la sua resistenza dipendono in buona parte dalla lunghezza delle fibre e dalla loro regolarità. Più le fibre sono lunghe e regolari, migliore è il tessuto e maggiore è il prezzo.

I rivestimenti 100% cotone rischiano di ingiallirsi con l'esposizione ai raggi solari e sono più soggetti a muffe e batteri. Esistono però tessuti misto microfibra-cotone, che uniscono i pregi di entrambi i materiali a un costo ridotto. Sono inoltre disponibili rivestimenti trattati in modo da essere più resistenti e meno soggetti a questi problemi.

Il cotone è la scelta ideale se non ami l'effetto traslucido proprio dei letti con rivestimento in eco-pelle. Ha anche il pregio di essere disponibile in una vasta gamma di colori, da quelli più vivaci ai colori pastello. Sarà quindi facile trovare un rivestimento che si adatti allo stile della camera e al tuo gusto personale.

Letti di lusso imbottiti

I letti di lusso hanno una parola chiave: artigianalità. Sono letti di solito realizzato solo su ordinazione e rifiniti a mano da artigiani esperti, secondo le regole del puro Made in Italy. Ogni letto imbottito è personalizzato secondo i bisogni e le preferenze del cliente. Puoi richiedere un letto di misura standard, un letto king o un letto più piccolo. Ogni tuo desiderio diventa realtà. L'obiettivo? Fornirti un grande design e soprattutto un riposo da re, in un letto che sembri appena uscito da una favola.

I letti di lusso sono infatti ben lontani dall'essere pura apparenza. Per la loro produzione si scelgono solo i materiali più pregiati, che garantiscano il massimo della comodità. La struttura è in legno, con doghe o con molle brevettate, che sostengano il corpo e ne assecondino le linee naturali. I rivestimenti sono in tessuti 100% naturali o in pelle, trattati così da rimanere belli più a lungo.

Nonostante la comodità sia ciò che importa davvero, anche l'occhio vuole la sua parte. Per questo motivo, i letti di lusso sono rifiniti a mano uno a uno, con particolari che cambiano a seconda del modello e del gusto del compratore. I letti in stile barocco vantano squisiti intagli in legno massello o in ferro battuto, di solito a bordo della testiera. Quelli più di design hanno forme particolari, con optional che sembrano usciti da un libro: televisori incorporati, radio e molto altro.

Quando c'è il lusso, la fantasia è l'unico limite.

Letti imbottiti con rivestimento in seta

La seta è forse il simbolo del lusso per eccellenza. È quindi naturale che trovi spazio anche nella produzione di letti di altissimo livello. Grazie alla sua texture liscia e lucida, trasmette un'idea di comodità al primo sguardo. Un'idea che trova conferma appena scivoli dentro al letto.

La seta ha il pregio di essere antibatterica e ipoallergenica, adatta anche a chi soffre di allergia alla polvere. Oltre che essere bella, è inoltre un isolante eccezionale. Allontana sia il caldo sia il freddo, creando un microclima ideale all'interno del letto. Qualcosa che non può mancare in un letto di lusso, che ha fatto della comodità la propria ragion d'essere.

Se temi che il tuo splendido rivestimento abbia vita breve, non temere: la seta è una delle fibre naturali più robuste. Un filo di seta è robusto quando un filo di acciaio dello stesso spessore.

Letti imbottiti con rivestimento in vera pelle

I letti in legno e pelle sono l'emblema dei letti di lusso. Sono letti imbottiti con intagli fatti a mano in legno massello, rivestiti di vera pelle. Le testiere sono già da sole un lusso che vale tutto il letto: puoi poggiarci la schiena mentre leggi un libro o guardi la televisione, godendoti morbidezza e sostegno allo stesso tempo.

La pelle è una scelta eccezionale dal punto di vista del design, ma sarà anche pratica? C'è sempre la paura che il rivestimento si rovini in breve tempo o che richieda troppa manutenzione. I moderni letti di lusso imbottiti subiscono trattamenti antigraffio e antimacchia, che riducono in maniera significativa il rischio di rovinarli. Quanto alla manutenzione, bastano pochi semplici accorgimenti.

Per pulire il tuo letto di lusso imbottito, spolvera la pelle con un panno morbido. Per lo sporco più resistente, usa un panno in pelle di daino inumidito con acqua calda e sapone neutro. Una volta al mese, usa una soluzione di acqua e latte scremato per trattare la pelle. Una volta all'anno, invece, usa prodotti specifici che rinvigoriscano il rivestimento.

Letti imbottiti di design

I letti imbottiti di design sono la combinazione tra la ricerca del bello, la ricerca dell'innovazione e la ricerca della comodità. I letti di questo tipo hanno forme fuori dagli schemi, che mirano ad appagare l'occhio senza trascurare la comodità. Anzi, le forme strane di alcuni modelli nascono proprio per soddisfare esigenze cui i modelli tradizionali non guardano.

Un esempio classico di letti imbottiti di design sono i letti tondi, con o senza testiera. Sono letti audaci, che poco si prestano alle stanze piccole. Nonostante la forma fuori dagli schemi, sono adatti a tutti e si fanno presto amare per la comodità. Un letto rotondo di legno imbottito, infatti, ti permette di muoverti come meglio credi senza rischiare di cadere dal letto. È adatto in particolare a chi si agita molto nel sonno.

Negli ultimi anni stiamo assistendo a un boom di letti ondulati. Sono letti di design con una struttura a onda, che aggiunge movimento ed eleganza all'insieme. La testiera segue l'onda ed è quindi inclinata all'indietro, non perpendicolare al materasso come nei letti imbottiti classici. Questa forma così particolare ti permette di leggere o guardare la televisione anche da sdraiato.

Ogni giorno nascono letti imbottiti di design diversi, che rispondono ai bisogno più disparati. Letti "nido", letti sospesi, letti a baldacchino…Hanno in comune una cosa: basta la loro presenza per aggiungere luce alla stanza. Quando hai un letto di design, non ti serve riempire lo spazio con oggetti strani ed eccessivi. Al contrario, un arredamento per il resto semplice aiuta a farne risaltare la bellezza.

Letti imbottiti con rivestimento in Alcantara

Per i letti imbottiti di design si usano tessuti di tutti i tipi, dalla pelle al lino. Molto dipende dallo stile del letto e dall'effetto finale che vuoi ottenere. Una scelta in linea con design fuori dagli schemi è l'Alcantara, un tessuto sintetico nato negli anni '70 e usato anche nella moda.

L'Alcantara assomiglia al camoscio, con cui condivide la morbidezza e l'aspetto cangiante. È disponibile in moltissimi colori e lavorazioni, anche con stampe e ricami. Data la bellezza e la versatilità, lo puoi trovare nelle tende così come nei rivestimenti di divani e letti, appunto. La sua resistenza ai graffi e ai segni del tempo lo rende particolarmente indicato per questi ultimi. Ciononostante, richiede qualche piccola accortezza.

I letti imbottiti in Alcantara vanno spolverati di frequente e con delicatezza, con una spazzola morbida o un panno asciutto. Di tanto in tanto, è bene passare anche un panno bagnato sulla superficie. Il panno deve sempre essere bianco, per evitare trasferimenti di colore. Devi inoltre evitare l'uso di apparecchi a vapore. In caso di macchie, intervieni prima che la macchia si secchi così da evitare di farla espandere.

Se hai un letto imbottito sfoderabile, puoi lavare il rivestimento in Alcantara in lavatrice. La temperatura massima è 30° e stai attento a usare un sapone delicato. La centrifuga andrebbe evitata e per la stiratura è sempre meglio mettere un panno bianco tra la stoffa e il ferro da stiro.

I migliori letti imbottiti

Se cerchi i migliori letti imbottiti disponibili sul mercato, non hai che l'imbarazzo della scelta! Le aziende che propongono questo tipo di letti sono numerosissime e adatte ad accontentare anche i palati più raffinati.

Letti imbottiti classici

Se stai cercando qualcosa di semplice ma d'impatto, i letti imbottiti classici fanno al caso tuo. Quanto ai modelli disponibili e alle dimensioni, hai solo l'imbarazzo della scelta!

Le forme dei letti Presotto ti avvolgono come in un abbraccio; ad esempio Omega ha linee essenziali, con testata Capitonè e design lineare. Se vuoi tenerti su uno stile altrettanto asciutto, puoi optare anche per la linea Clever di Colombini: colori sobri, linee semplici ed eleganza senza tempo. Anche Ruben di Zanotta segue un concetto del genere: la struttura in acciaio è coperta dall'imbottitura in poliuretano e il rivestimento in cuoio. Il risultato finale è un letto semplice ma elegante.

Cerchi letti imbottiti classici dai toni più vivaci? Portofino di Cantori è un letto di qualità sartoriale con inserti color oro, incastonati in una testata imponente e comoda. Un'alternativa è Relux di Sangiacomo che, pur non avendo dettagli in oro, si fa notare grazie alla testiera imbottita accostata alla struttura in legno.

Anche per i letti con contenitore ci sono moltissime alternative. Samoa è specializzata in letti imbottiti con contenitore, pratici e con linee ricercate. Una filosofia che ispira anche la linea Dielle di Doimo, specializzata in letti imbottiti matrimoniali e singoli.

Letti imbottiti di design

Vuoi aggiungere un tocco estroso alla tua camera da letto? Allora punta sui letti imbottiti di design. Anche in questo caso, hai solo l'imbarazzo della scelta!

Lullaby Due di Poltrona Frau è un letto imbottito rotondo con struttura in acciaio, ispirato alla moda anni '60 e comodo come un nido. Se però un letto tondo e basta ti sembra troppo poco, puoi provare Fluttua di Lago. È un letto imbottito di design con base in legno, tondo e montato su una sola gamba. Un nome, una garanzia!

Se stai cercando letti davvero strani, invece, ci sono diversi modelli che stravolgono la forma della testiera. La testiera di Stones di Noctis è composta da una serie di cuscini simili a pietre, montati l'uno sopra l'altro per dare un effetto sorprendente. Sulla stessa linea c'è la testiera "puzzle" di Fantasy Glamour, di Stilfar, della quale puoi scegliere anche la combinazione di colori.

Le testiere extra-large rappresentano un capitolo a parte. Parliamo di letti con testiere enormi, che trasformano la parte anteriore del letto quasi in una stanza a parte. Sono il sogno di chi ama guardare la televisione a letto o leggere prima di andare a dormire. Montgomery di Fendi Casa ha una testiera che sfiora i 2 metri di altezza. Non ha quindi nulla da invidiare a Prisma di Biba, che vanta una testiera solo poco più bassa di quella di Montgomery. Se invece cerchi un vero e proprio nido, puoi scegliere tra Vendôme di Twils e Country Living Two di Altrenotti.

Infine, meritano un accenno a parte i letti imbottiti di design con testiere ultra basse. Sasso di Tomasella è un letto pensato per i più giovani, con forme semplici e disponibile in un gran numero di colori. Anche Blanket di Bonaldo ha una testiera appena accennata, ma che riesce comunque a farsi notare. Assomiglia infatti a una coperta arrotolata, nella quale avvolgerti e immergerti in dolci sogni.

Letti classici in legno

I letti classici in legno sono quelli che buona parte di noi hanno usato per tutta la vita. Sono letti rettangolari, spesso dotati di testiera e dalle linee molto semplici. Sono disponibili in diverse misure, dal letto singolo a quello matrimoniale. Di solito sono privi di particolari rifiniture e, anche quando sono verniciati, conservano i colori naturali del legno.

Il successo senza tempo dei letti classici in legno è legato soprattutto alla loro versatilità. Li puoi usare per camere da letto patronali, camerette, stanze degli ospiti. Vanno bene per case grandi e piccole, per monolocali e quadrilocali. Spesso il loro design semplice li rende anche economici, quindi accessibili a tutte le fasce di reddito.

Negli ultimi anni, i letti in legno stanno riscoprendo una nuova età dell'oro. Il ritorno ai materiali naturali sta spingendo molte persone a sceglierli per le proprie camere da letto. Inoltre, il design elementare può essere declinato in un gran numero di modi.

Letti a castello di legno

I letti a castello di legno sono forse l'evoluzione più naturale dei modelli singoli classici. Sono due letti uno sopra l'altro, collegati da una scaletta. Sono pensati soprattutto per le camere dei bambini oppure per i dormitori. Permettono infatti di far dormire in tutta comodità tante persone dentro uno spazio ristretto. Scegliere un letto a castello ti permette quindi di sfruttare spazio che altrimenti resterebbe inutilizzato.

Rispetto ai modelli in metallo, quelli in legno sono molto più caldi e accoglienti. Anche senza decorazioni particolari, aggiungono un tocco di vita al tutto. Bastano le loro linee semplici e un copriletto colorato per rendere la camera dei tuoi bambini già più bella. Inoltre, molti modelli in legno permettono di montare i due lettini anche separatamente, in caso di bisogno.

Letti in legno con doghe

Il grado di supporto offerto dal materasso dipende sia dalle qualità del materasso sia dalle caratteristiche del letto. A seconda che il letto sia dotato di doghe o molle, cambierà anche il tipo di sostegno.

I letti in legno con doghe sono indicati per chi cerca un sostegno rigido o semi-rigido per la schiena. A seconda del modello e del legno scelto per le doghe, queste asseconderanno le linee del tuo corpo di più o di meno. Per i materassi molto sottili, ad esempio, dovresti usare letti con doghe rigide. Per i materassi più spessi, invece, vanno bene sia doghe rigide sia doghe più elastiche.

Prima di scegliere il tuo letto in legno con doghe, ricorda anche di controllare quanto sono larghe le doghe e quanto sono distanziate. Le doghe larghe sono indicate in particolare per i materassi a molle. Le doghe ravvicinate si prestano di più ai materassi in lattice e in memory foam.

Letti in legno di design

Il legno è un materiale versatile, adatto alle sperimentazioni più audaci. C'è quindi poco da stupirsi se i letti in legno di design si moltiplicano ogni anno che passa. Come abbiamo detto per i letti imbottiti, anche in questo caso l'innovazione diventa un modo per soddisfare nuovi bisogni. Bisogni estetici ma anche pratici, che richiedono forme che esulino da quelle dei letti in legno tradizionali.

Le forme e anche le funzioni possono cambiare molto da modello a modello. Molti letti di design contemporanei nascono per risolvere un problema comune: la mancanza di spazio. Sono letti quasi multifunzione, che sfruttano tutte e tre le dimensioni di una stanza. Questi letti si proiettano verso l'alto, creando nuovi spazi anche là dove pareva non fosse possibile. Sono letti scrivanie, letti librerie, letti armadi.

Altre volte, il design asseconda un modo di affrontare la casa e la vita. È il caso dell'arredamento zen, che affonda le radici in una filosofia antica e la rielabora secondo i gusti moderni. In questi casi c'è sempre un'attenzione minima alla funzionalità, anche se passa in secondo piano rispetto ad altri criteri.

Letti in legno bio

I letti in legno bio sono un elemento fondamentale all'interno dell'arredamento zen, ad esempio. Ne esistono vari modelli, da quelli più tradizionali a quelli dalle forme audaci. Hanno tutti in comune una cosa: sono realizzati esclusivamente in legno.

I letti biologici 100% sono privi di parti metalliche. Il montaggio avviene mediante un delicato sistema a incastro, che ne garantisce la stabilità anche senza colle o viti. Oltre a questo, sono trattati solo con impregnanti naturali o con vernici bio. Sono quindi privi di sostanze tossiche e adatti anche alle camere dei bambini molto piccoli, che hanno l'abitudine di mordere un po' tutto.

Perché scegliere letti in legno di design biologici? Perché sono naturali, non trasmettono onde elettromagnetiche e sono anche belli a vedersi. Gli impregnanti mettono in risalto la bellezza naturale del legno e i suoi colori. Se sceglierai un letto in okumé, quindi, ne potrai ammirare le sfumature e le venature rosate; allo stesso modo, potrai goderti il colore del ciliegio e così via.

Letti in legno giapponesi

Molti letti in legno di design richiamano l'estetica dei letti giapponesi o addirittura la imitano. Sono quindi letti bassi, che misurano circa 20 cm per arrivare a un massimo di 40 cm. I modelli più fedeli alla tradizione giapponese sono rasoterra, anche se la cosa si sposa poco con il gusto occidentale. Questi sono i cosiddetti letti a pedana, alti massimo 11 cm e da usare in combinazione con il futon.

I letti in legno giapponesi hanno un bordo che incornicia il materasso, più o meno ampio a seconda del modello. Sono dotati di piedini a base quadrata e in gran parte dei casi sono privi di testiera. Per chi lo desidera, sono però disponibili testiere tessili o testiere in legno smontabili.

I letti in legno con design giapponese prevedono diversi compromessi al gusto occidentale. I modelli pensati per noi occidentali sono spesso più alti, come abbiamo già visto. In più, sono in gran parte dotati di doghe in legno, compatibili sia con i materassi tradizionali sia con i futon. I letti in legno giapponesi tradizionali sono invece poco più che cornici per il tatami, il tappeto su cui poggiare il futon.

Letti in legno sospesi

I letti in legno sospesi sono letti con un design in apparenza normale, pensati però per fluttuare in aria. Le tecniche principali per ottenere l'effetto sono due: appendere il letto al soffitto e nascondere i piedini. Altri modelli ancora sorvolano sulla visibilità dei piedini e poggiano il letto su un unico sostegno centrale, molto alto. In questo modo si ha l'impressione di dormire galleggiando sopra il pavimento.

Tra i letti in legno di design, i letti sospesi sono forse i meno pratici. I modelli sospesi in senso stretto hanno bisogno di sostegni robusti, che non tutti possono installare sul soffitto. I modelli con piedini invisibili hanno invece i pregi e i difetti dei letti classici, in termini di praticità. Fanno eccezione i letti sospesi su parete, ovvero quelli attaccati per un lato al muro e sospesi per il resto.

I letti sospesi su parete possono prendere il posto dei classici letti a castello. Alcuni modelli prevedono due letti in legno singoli attaccati alla parete uno sopra l'altro. I due letti non sono collegati tra loro, sfruttano tutto lo spazio in altezza e sono molto più scenografici dei classici letti a castello di legno.

Letti antichi in legno

I letti antichi in legno uniscono il fascino della storia al buon sonno. Sono oggetti che arrivano dritti da un modo di vivere ormai passato, che però mostrano come certe cose non cambino mai. La voglia di riposare in un ambiente bello oltre che comodo, ad esempio.

Se possiedi un letto antico, puoi decidere di tenerlo così com'è o adattarne la struttura agli standard moderni. Il cambiamento più classico è l'installazione di doghe in legno. L'operazione contribuisce a rendere il mobile più comodo, senza però intaccarne l'estetica originale. In questo modo hai un letto dal comfort contemporaneo e dal gusto di altri tempi.

Al di là di eventuali modifiche, i letti antichi in legno hanno un unico problema: la manutenzione. Se hai ereditato o comprato un pezzo del genere, devi preoccuparti degli effetti nefasti di tarli e muffe. Niente paura, però: c'è sempre una soluzione.

Eliminare i tarli dai letti in legno antichi

Come capire se il tuo letto in legno antico è stato colpito dai tarli? Ci sono dei segni inequivocabili: se trovi piccoli buchi sulla superficie e polvere a terra, devi passare all'azione. Per farlo ti serve:

  • liquido antitarlo
  • candela
  • siringa
  • telo trasparente
  • cera colorata

Inietta il liquido antitarlo in ciascun buchetto, dopodiché sigilla ciascun buchino con la cera sciolta della candela. Copri il mobile con il telo trasparente, legandolo in modo che sia aderente al legno. Lascia agire il prodotto per circa 10 giorni e togli il telo: se hai distribuito il liquido in tutti i buchi, gli insetti saranno tutti morti. Non resta che eliminare le loro tracce.

Procurati uno stick di cera colorata il più possibile simile al legno del letto antico. Scalda il bastoncino di cera e chiudi i buchetti dei tarli, così da uniformare il legno. Il tuo letto in legno antico sarà come nuovo!

Per evitare che il problema si ripresenti, devi ricordare che i letti antichi in legno hanno bisogno di aria. I tarli del legno si riproducono soprattutto in luoghi bui e tiepidi, con una temperatura intorno ai 22° e un tasso di umidità del 50%. Ti basta quindi arieggiare la stanza e di tanto in tanto anche il letto, effettuando pulizie periodiche che espongano anche i punti nascosti.

Letti in legno in arte povera

I letti in legno in arte povera hanno uno stile rustico e un po' vintage, che ricorda tanto le case di una volta. I legni più usati sono quelli di colore scuro, come il ciliegio e il frassino. I letti in legno di questo genere hanno inoltre linee molto semplici, massicce e prive di fronzoli. Non per nulla nascono nel contesto delle case contadine.

Al contrario dei letti in legno di design, i letti in legno in arte povera sono del tutto finalizzati alla funzionalità. Il loro aspetto massiccio nasce negli anni '60 per contestare la spasmodica ricerca della novità propria di quel periodo. Sono un richiamo all'essenzialità, alla robustezza e alla longevità.

Una caratteristica di questi letti in legno è la grossa testata sagomata, che si ritrova soprattutto nei letti matrimoniali. La testiera può essere rettangolare o con linee morbide e tondeggianti. In entrambi i casi, mancano rilievi e decori. Rimane solo la bellezza minimale del legno, da accostare a comodini e librerie nello stesso stile.

Letti in legno e ferro battuto

I letti in legno e ferro battuto nascono dall'unione di due materiali forti e di grande impatto. Come il legno, il ferro battuto rimanda a mobili con linee essenziali eppure di grande bellezza. È grazie a questa stessa essenzialità, se anche i modelli più vintage riescono a risultare straordinariamente contemporanei.

I letti in ferro battuto e basta sono realizzati del tutto in ferro. Hanno un aspetto minimalista, con linee nette o curvilinee a seconda del modello. Gran parte dei modelli sono venduti senza rete, per cui puoi puntare senza problemi su quella che preferisci. Consigliamo una rete con doghe in legno, per garantire un riposo migliore.

I letti in legno e ferro battuto hanno una base in legno, su cui si innesta la testiera in ferro battuto. Questo stratagemma permette di ottenere un letto contenitore, il che sarebbe impossibile con un letto solo in ferro battuto. In più, il legno aggiunge un tocco di calore impossibile da ottenere usando solo il metallo.

Letti in legno massello

Nonostante molti li confondano, i letti in legno massello e i letti in legno massiccio sono due cose diverse. Le due espressioni indicano infatti prodotti realizzati con legni naturali, ma con tipi di lavorazione non sovrapponibili. Nello specifico, i letti di legno massello sono realizzati solo con una parte del tronco, il durame.

Il durame è il cuore dell'albero, ovvero la sezione più interna e quindi più dura e resistente. Lo si estrae dal tronco e lo si lascia stagionare, così da farlo asciugare. In questo modo si ottiene solo la parte migliore del tronco, ideale per ottenere letti di alta qualità e durevoli. Questa lavorazione è applicabile a più tipi di legno, il che significa che esistono diversi tipi di legno massello.

Come specificato sopra, per realizzare i letti di legno massello si utilizza solo parte del tronco. In modo da ottenere un mobile intero servono quindi più pezzi di legno da unire tra loro. Al contrario, i mobili in legno massiccio usano tutto il tronco. È quindi più facile che ogni elemento del letto sia costituito da un pezzo unico.

Pregi dei letti di legno massello

I letti di legno massello hanno un gran numero di pregi rispetto a quelli realizzati in legno massiccio. Sono più solidi e duraturi, essendo realizzati solo con la parte più pregiata del tronco. Sono anche più belli a vedersi e con meno imperfezioni, comuni nelle parti meno pregiate del tronco. Ci sono però altri fattori che contribuiscono all'assenza di difetti evidenti sulla superficie.

Il legno è un animale vivo, che respira. Man mano che il tempo passa, le fibre si allargano e questo provoca la formazione di crepe. Nei mobili di legno massiccio, queste crepe si allargano fino a diventare molto grandi. Perché? Perché sono realizzati con pezzi interi di tronco e le crepe hanno tutto lo spazio per crescere. Ciò non accade nei letti di legno massello.

Dato che il legno massello è formato da più elementi, le crepe rimangono piccole e spesso invisibili. Si allargano solo nel pezzo in cui sono nate, fermandosi quando ne arrivano all'estremità. Il risultato sono superfici molto più uniformi e prive di imperfezioni.

Letti in legno artigianali

Siamo abituati a vedere i letti artigianali come beni di lusso, che costano migliaia e migliaia di euro. A volte è effettivamente così. Alcuni letti in legno artigianali sono squisite opere d'arte, intagliate e rifinite a mano per ottenere pezzi unici di design. Altre volte, però, i letti in legno artigianali sono beni molto più accessibili e progettati con finalità pratiche. Ecco perché, dopo anni e anni di letti in serie, stanno tornando di moda i letti in legno artigianali.

La scomparsa delle stanze enormi di una volta è uno dei grandi problemi di chi arreda la camera da letto oggi. Gli spazi ristretti costringono a cercare soluzioni alternativa senza sacrificare il sonno. Anche per questo motivo spopolano i letti personalizzati, dell'esatta misura che ti serve e adatti a qualsiasi tipo di stanza.

I letti in legno artigianali – così come il mobilio artigianale in generale – sono quasi d'obbligo se vivi in mansarda, ad esempio. I soffitti bassi e gli angoli audaci costringono infatti a inventare nuovi modi per sfruttare tutto lo spazio disponibile. L'artigiano arriva là dove non arriva il mobile di serie, concepito per stanze con misure molto più standard e ampie. Sarebbe però riduttivo relegare i letti artigianali al solo ruolo di "tappabuchi" per mansarde.

Anche quando non sono letti di lusso, i letti in legno artigianali sono comunque un investimento per la vita. Il più delle volte sono realizzati in legno massello, quindi sono robusti e resistono al passare del tempo. Si adattano al tuo gusto e alle tue esigenze, calzando come un guanto dentro la tua camera da letto. Non da ultimo, sono ben fatti e comodi. L'ideale per accompagnarti in tanti bellissimi sogni negli anni a venire.

Letti in legno vintage

Cosa sono i letti in legno vintage? Sono letti con uno stile in circolazione da almeno 20 anni. Di conseguenza, sotto il cappello "vintage" possono rientrare moltissimi stili diversi, in grado di sposarsi con i gusti più disparati. Si va dal vintage un po' romantico fino a quello barocco. Tutto dipende dal tipo di camera da letto che stai cercando.

I letti in legno vintage più amati sono di sicuro quelli a baldacchino. I letti a baldacchino paiono arrivare dritti da un altro periodo storico, nel quale il letto era quasi una stanza a parte, da usare per ritirarsi dal mondo. La loro caratteristica principale è appunto il baldacchino, ovvero un drappo sostenuto da un telaio di legno che circonda e chiude il letto. Quando vuoi un po' di privacy, ti basta tirare la tenda per tagliare fuori il resto della casa.

I letti in legno romantici sono un'altra categoria vintage molto apprezzata. Di solito il legno è un elemento secondario e prevale il ferro battuto. Il metallo aiuta a creare testiere con ghirigori audaci o appena accennati, a seconda del tuo gusto. Sono letti vintage discreti ma che riescono a farsi notare, esaltati dall'uso di colori pastello. Trovano la loro collocazione in stanze altrettanto romantiche, arredate con pochi elementi scelti con cura.

Se i letti romantici ti conquistano con la loro discrezione, i letti in legno barocchi viaggiano in tutta un'altra direzione. Sono letti in legno pomposi, con grandi testiere intagliate e piedini a propria volta decorati. Non è raro che usino colori come l'oro, anche se c'è sempre il rischio di sfociare nel kitsch. Inoltre, è frequente che questi letti abbiano una struttura in legno e la testiera imbottita. Nel caso dei modelli di lusso, è probabile che quest'ultima sia addirittura cucita a mano.

I migliori letti in legno

Ti sei innamorato dei letti in legno e hai deciso di sceglierli per casa tua? Ottima scelta, ma ricorda che non è finita qui: adesso devi trovare chi produce i migliori modelli presenti sul mercato.

Se sei ancora indeciso tra letti imbottiti e letti in legno, puoi rivolgerti a Flou. L'azienda nasce come produttrice di letti tessili, anche se nel corso del tempo ha toccato anche altri settori. I suoi letti in legno sono essenziali e si ispirano alla tradizione orientale. Tadao, in particolare, ha una base d'appoggio per il materasso ricurva che diventa tutt'uno con la testiera. Lo stesso principio lo trovi in Tielle di Caccaro, anche se riprodotto con linee più nette.

Se cerchi letti in legno di design dal gusto un po' vintage, puoi scegliere tra Bontempi. Se invece preferisci linee più moderne, Tomasella ti propone una vasta gamma di letti in legno personalizzabili. Linee semplici e pulite la fanno da padrone, sia nei letti in legno matrimoniali sia nei singoli.

I letti in legno sospesi hanno solleticato la tua fantasia? Lago propone una vasta gamma di letti di design di questo tipo, "accoglienti come nidi e leggeri come nuvole". Ad esempio, il letto Fluttua ha un unico sostegno centrale regolabile in altezza, per dare l'impressione di star galleggiando.

Oggioni e Poliform ti fanno dolcemente tornare a terra. Entrambe le aziende propongono modelli dalle linee massicce e nette. Mentre però i letti Oggioni si sposano meglio con un arredamento moderno, quelli Poliform trovano spazio soprattutto in contesti austeri e tradizionali. Infine, se cerchi letti in legno vintage, Presotto è la risposta. La linea 1950's propone letti dalle linee morbide e i colori pastello, per chi ama la semplicità di una volta.

Letti contenitore in legno naturale e imbottiti

A questo punto avrai deciso se preferisci i letti in legno o i letti imbottiti. In entrambi i casi, hai a disposizione una vasta gamma di soluzioni adatte a tutte le esigenze. In più, in entrambi i casi hai a disposizione un'ampia scelta di letti contenitore, la soluzione ideale se hai poco spazio.

Se vivi in un monolocale sai cosa significa non sapere dove mettere i vestiti. Gli armadi sono già pieni e non è proprio il caso di aggiungerne altri a quelli che già invadono casa. C'è però uno spazio che non stai usando: quello sotto il letto. Sotto il tuo tempio dei sogni potresti mettere vestiti fuori stagione, lenzuola, piumini, scarpe e molto alto. Tutto sta nello scegliere il letto giusto.

TANTO STILE E DESIGN NELLA TUA CASELLA EMAIL! ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWLETTER.
Per rimanere aggiornato su tutte le ultime tendenze in tema di arredamento e design.

Per fare della tua casa, la casa più bella che c'è!

I letti imbottiti con contenitore hanno di solito una base in legno cava. Per accedere al cassettone interno ti basta alzare la rete e riabbassarla una volta che hai finito di sistemare. I modelli di questo tipo hanno un unico difetto: la spazio sottostante il letto non è raggiungibile se qualcuno vi sta riposando sopra. Per questo motivo, è meglio usarli per i cambi di stagione ed evitare di conservarvi cose di uso più quotidiano.

Il problema non si pone invece con i letti in legno con cassetti. Anche in questo caso abbiamo una base cava nella quale puoi mettere tutto ciò che desideri. Questa volta, però, non devi sollevare la rete per usare lo spazio sotto il letto. Ti basta tirare i cassetti estraibili dalla base.

I negozi di Mobili Design dove trovare prodotti di tuo interesse