ricerca

MAGAdeSIGN - Dai Negozi di Mobili Design
A come arredo

Come tenere in ordine la casa

Gli spazi vuoti sembrano funzionare sempre secondo il principio dei vasi comunicanti, anche quando non abbiamo a che fare con dei liquidi. Le nostre case appaiono tutte come degli accoglienti e ordinati spazi vuoti, quando sono nuove, appena costruite o ristrutturate. Inevitabilmente, però, con il trascorrere del tempo, per una sorta di magico magnetismo, iniziano a riempirsi.

Gli oggetti si insediano negli armadi, nei cassetti, nelle madie, negli anfratti di tutte le cassepanche. Poi cominciano a minacciare ogni superficie. I ripiani dei mobili più bassi, ma anche la parte alta degli armadi classici su due livelli diventano piani dove si attaccano come cozze oggetti che non riescono più a essere contenuti nei volumi interni, racchiusi da ante e cassetti. Anche le sedie e le poltrone e i divani possiedono l'inspiegabile potere di trattenere a sé indumenti, riviste, giochi, libri, ombrelli, e prodotti di tutti i tipi. Gli spazi vuoti hanno l'irrefrenabile tendenza a trasformarsi in spazi pieni. Oltre una certa soglia, questa pienezza che è segno di vita vissuta diventa disordine. Che fare dunque? La soluzione è agire. Il punto di partenza sta nel mettere a fuoco il problema: come tenere in ordine la casa?

Riordinare casa con metodo: il libro di Marie Kondo e la serie su Netflix

Per rispondere alla domanda "come tenere in ordine la casa" occorre mettersi il cuore in pace: serve un metodo. Non ci si può basare sullo slancio e l'ispirazione del momento. La tenacia degli oggetti è più forte del buon senso che spinge a correre ai ripari. Il buon senso da solo non basta. Bisogna rendersi consapevoli della necessità di modificare radicalmente l'approccio alla gestione di tutto ciò che è inanimato e popola lo spazio al di fuori del nostro controllo.

Riordinare la casa con metodo significa individuare un criterio su cui fondare una serie di scelte. Lo ha ben compreso Marie Kondo, autrice del libro Il magico potere del riordino. Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita, pubblicato in Italia da Vallardi nel 2014. Gli oggetti riempiono la casa, ma riempiono anche il nostro spirito. Sottraggono spazio ed energie alla capacità di concentrazione. «Il caos è il peggior nemico dell'introspezione e della conoscenza». Questo è l'assunto da cui partono le riflessioni di Marie Kondo. Nel suo libro dà consigli su come riordinare ogni stanza della casa con il metodo giapponese che, dal nome della scrittrice, è stato ribattezzato KonMari. Il successo del libro Il magico potere del riordino ha ispirato una serie televisiva su Netflix, "Facciamo ordine con Marie Kondo". Gli episodi sono iniziati il primo gennaio 2019 e il format è quello del reality show. In ogni puntata Marie Kondo affronta un caso disperato e trova la soluzione al disordine più estremo, come una attuale Sherlock Holmes del riordino.

Riordinare la casa con il metodo giapponese KonMari

Il primo insegnamento del metodo giapponese KonMari può essere ricondotto a una parola: essenzialità. Impariamo, dunque, a capire quali sono gli oggetti di cui abbiamo veramente bisogno e quali sono invece superflui, usurpatori di attenzioni e di energie. Riordinare la casa con il metodo giapponese KonMari vuol dire fare scelte drastiche e liberarsi di tutto ciò che ingombra volumi, superfici e risorse emozionali e cognitive.

In inglese si parla di "decluttering". Con il verbo "to declutter" la lingua di Albione indica il "fare spazio". È insito nel suo significato il senso di liberazione tipico di quando ci sbarazziamo di un peso. I vestiti sparsi per la stanza, le riviste abbandonate sul divano, i soprammobili abbandonati fuori posto sono tutti fastidi di cui forse non ci rendiamo conto, ma agiscono nella nostra percezione inconsapevole, come un fruscio di sottofondo. Gli armadi sono ormai pieni. Le dispense traboccano di sfizi e dolciumi di cui ci dimentichiamo. I sacchetti di pasta aperta si moltiplicano, così come quelli di biscotti. Pensiamo che sia un peccato buttare questo o quell'oggetto che forse un domani ci potrebbe tornare utile. Quando facciamo i nostri acquisti siamo convinti di aver bisogno sempre di qualcos'altro, mentre in realtà gli spazi delle nostre case sono già colmi anche del superfluo. La prospettiva suggerita da Marie Kondo è categorica. La più famosa esperta di economia domestica del mondo invita a disfarci di ciò che non usiamo più senza rammarico. Nella cultura occidentale questa esortazione perentoria viene mitigata dall'esigenza sempre più condivisa di riciclare i prodotti che hanno un lungo ciclo di vita. Per esempio, i vestiti vecchi ancora in buono stato possono essere donati ad associazioni di beneficienza che li daranno ai più bisognosi.

Riordinare la casa con metodo anche in cucina: i suggerimenti di Marie Kondo

Nel suo libro di maggior successo, tradotto nelle principali lingue del mondo e pubblicato in ben trenta nazioni, Il magico potere del riordino, Marie Kondo declina il suo metodo KonMari in pratiche ben precise da mettere in atto in ogni ambiente della casa.

Il metodo giapponese KonMari trova applicazione nelle diverse stanze con modalità specifiche alla destinazione d'uso. Si distinguono, dunque, accorgimenti ideali per l'ambiente della cucina, per gli armadi della camera da letto, la gestione della biancheria della casa e il riassetto della libreria del soggiorno.

Come tenere in ordine la cucina

In cucina il guaio del disordine inizia con l'accumulo degli utensili. Spesso mettono radici nei cassetti e sono singolarmente ormeggiate in questi anfratti senza prendere mai il largo, senza mai approssimarsi a un tagliere, una pentola, un piatto o una insalatiera. In poche parole, invecchiano inutilizzati.

Di conseguenza, il primo passo per porre fine al caos della cucina consiste nel fare un'accurata cernita degli strumenti che ci sono realmente indispensabili quando cuciniamo. Quelli che non rispondono alla chiamata delle nostre abitudini e giacciono dimenticati in qualche angolo recondito di cassettiere e madie devono essere buttati.

Anche i libri vogliono un ordine: come tenerli alla perfezione in casa

I libri sono oggetti che tendono ad accumularsi in modo disordinato. Sono piccoli e leggeri. Li possiamo portare facilmente con noi in ogni spazio della casa e spesso ce li dimentichiamo fuori posto. Per i ragazzi che studiano diventa un'abitudine tipica la creazione di montagne di libri, quaderni e appunti sulla scrivania.

Per affrontare anche un compito semplice come il riordino dei libri, Marie Kondo suggerisce di non perdere mai di vista il principio delle categorie. Fissarsi sulla separazione delle stanze non giova all'armonia complessiva degli spazi. Se mettiamo in ordine una stanza alla volta finiamo nel vortice infinita del rimettere a posto sempre le stesse cose.

L'impostazione mentale che applichiamo al problema deve cambiare. Si tratta, infatti, di imparare a pensare per categorie, per insiemi omogenei. Così riordinare i libri che abbiamo in casa con metodo significa in prima battuta individuarli come oggetti accomunati da una medesima finalità e dunque classificabili in un'unica categoria. In seconda battuta, sarà necessario definire delle sottocategorie per dare una struttura ordinata alla libreria.

Le tende da salotto classico possono però anche avere un'estensione più contenuta. È possibile scegliere tende a misura che non toccano il pavimento, ma si mantengono comunque sempre morbide e sinuose per un effetto visivo dinamico e accattivante. Le tende a misura possono al massimo sfiorare il pavimento e vengono realizzate con tessuti pesanti che cadono netti lungo il vano della finestra, come il velluto e il cotone doppio. Scegliere tende a misura per il salotto permette di valorizzare le caratteristiche del pavimento. Un bel parquet, il marmo elegante, la terracotta calda e accogliente sono messi in evidenza dal lieve ondeggiare dei tessuti sospesi lungo i vetri delle finestre.

Come tenere in ordine gli armadi della casa

Un assillo comune a molti uomini e molte donne sopraffatti dagli oggetti è rappresentato da questa domanda: come tenere in ordine gli armadi della casa? Secondo Marie Kondo il volume degli armadi deve essere sfruttato interamente. Dunque, sconsiglia di appendere i vestiti, come abitualmente facciamo usando grucce e bastoni. Ogni armadio deve essere sfruttato con scatole e cassetti in cui ogni indumento deve essere piegato ordinatamente. In questo modo è possibile riporre con ordine un numero maggiore di capi d'abbigliamento, che rimangono sempre comodamente a disposizione, senza confondersi e darsi per dispersi.

Come tenere in ordine la biancheria della casa

Lenzuola e coperte sono note dolenti quando si ha a che fare con l'ingrato compito di riordinare la casa con metodo. I suggerimenti di Marie Kondo tornano buoni anche in questa circostanza. Per conservare al meglio i tessuti delle lenzuola e delle coperte occorre proteggerli dall'umidità. Infatti, la biancheria tende a trattenerla. Se viene riposta in buste di plastica può andare incontro allo sviluppo di muffa, un processo che le la rovina definitivamente. Dunque, è bene regalare a chi ne ha bisogno le lenzuola e le coperte che non vengono utilizzate, mentre invece la biancheria usata abitualmente deve essere tenuta a portata di mano negli armadi.

Riordinare casa con metodo: e gli asciugamani?

Gli asciugamani meritano una trattazione a parte nell'ampio discorso del riordinare casa con il metodo giapponese di Marie Kondo. La logica costituisce il sostrato resistente di tutta l'argomentazione della consulente e scrittrice. Dunque, gli asciugamani vanno riposto nel luogo dove risultano più utili: in un armadietto del bagno, o comunque vicino allo spazio della casa dedicato all'igiene e ai momenti di pace sotto la doccia.


Ogni asciugamano deve essere ripiegato con cura in modo da occupare poco spazio. Anche gli asciugamani ormai lisi che diventano utili stracci vanno messi via con cura per non determinare un ingombro dannoso.

TANTO STILE E DESIGN NELLA TUA CASELLA EMAIL! ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWLETTER.
Per rimanere aggiornato su tutte le ultime tendenze in tema di arredamento e design.

Per fare della tua casa, la casa più bella che c'è!

Tenere in ordine una casa piccola: il frutto dei suggerimenti di Marie Kondo

La domanda più difficile di chi approccia nella pratica le questioni dell'economia domestica: come tenere in ordine una casa piccola? Dopo aver assimilato tutti i consigli di Marie Kondo, sarà facile anche far fronte al compito difficile di tenere in ordine una casa piccola.

Teniamo e acquistiamo solo ciò che ci è davvero utile, che risponde realmente ai nostri bisogni, che ci ispira calma e tranquillità, lasciando scorrere e ribollire le nostre energie in vista di ciò che davvero ci interessa. Così, anche quando la metratura del proprio appartamento non è generosa, l'ordine è assicurato, e allo stesso modo la tranquillità.

I negozi di Mobili Design dove trovare prodotti di tuo interesse