ricerca

MAGAdeSIGN - Dai Negozi di Mobili Design
Arredamento green

Arredo eco-friendly per la casa dei tuoi sogni

Gli esseri umani hanno difficoltà a mantenere equilibrio e armonia con la natura che li circonda. Appartengono all'ambiente naturale, ma allo stesso tempo ne sono esclusi e hanno bisogno di crearsi protezioni. Si devono riparare dalle intemperie con rifugi e indumenti. Non sono in grado di far fronte agli attacchi degli altri animali del mondo naturale. Così a poco a poco dalla natura gli esseri umani hanno imparato a trarre nutrimento ed energia, costruendo rifugi sempre più resistenti e confortevoli.

Lo sfruttamento delle risorse naturali è diventato un tratto distintivo della vita umana come la conosciamo oggi. Le sue conseguenze iniziano a palesarsi, con un inquinamento sempre più significativo che danneggia l'atmosfera, la natura e la salute delle persone. Per questo oggi è sempre più importante tenere conto di tutte le risorse possibili che permettono di ridurre le esternalità negative per l'ambiente.

Anche quando si è in procinto di arredare la propria casa, i temi dell'ecologia e del rispetto della natura non devono passare in secondo piano. È nell'interesse di tutti mantenere in salute il pianeta perché in questo modo migliorano le condizioni di vita di ciascuno di noi. L'arredo eco-friendly garantisce spazi salubri in tutta la casa, attrezzati con mobili ecologici costruiti con materiali del mondo naturale, senza l'uso di colle tossiche.

L'arredamento ecologico fa bene alla salute del fisico, ma anche a quella dello spirito. I colori del legno, della pietra e dei tessuti naturali regalano serenità. Contribuiscono all'armonia dell'ambiente, sono abbinabili a colpo d'occhio e danno vita a una scala cromatica senza soluzione di continuità.

La nascita e le caratteristiche dell'arredo eco-friendly

Negli ultimi anni è aumentata attenzione per la natura e per l'ambiente. Si è così sviluppato un interessante ramo del design che punta alla sostenibilità. La parola "ecodesign" è diventata sinonimo di uno stile in armonia con il rispetto per l'ambiente, il riciclo, la realizzazione di accessori ed elementi d'arredo partendo da prodotti di scarto. Gli oggetti vengono reinterpretati per un nuovo utilizzo. Sono sottoposti a processi di rigenerazione che spesso danno vita a un vero e proprio cambiamento nelle forme e nelle funzioni.

Attraverso il fai da te, molti realizzano accessori e complementi d'arredo con materiali di riciclo. Ma quando si parla di design ecologico, punti di riferimento imprescindibili sono le aziende certificate, che basano la produzione sul riuso, sul riciclo e sulla riparazione per creare prodotti sostenibili. Molte persone sono in grado di realizzare un comodino partendo da vecchi bancali, o una seduta utilizzando un vecchio copertone di automobile. Tuttavia, per ottenere una produzione nei canoni del design sostenibile è necessario avere competenze specifiche.

Accessori e complementi d'arredo vengono progettati sulla base dello studio del ciclo di vita dei vecchi oggetti. Il punto di partenza consiste nel comprendere come possono essere nuovamente utilizzati per dare vita a mobili duraturi, resistenti e di qualità.

Conoscere le caratteristiche tecniche dei materiali è fondamentale: per questo motivo, le pratiche dell'ecodesign non comprendono gli oggetti realizzati in casa seguendo un tutorial. Abitare sostenibile significa puntare su prodotti certificati, perfetti per arredare il giardino o l'appartamento e, soprattutto, progettati nel pieno rispetto delle normative europee sulla sostenibilità e il riciclo.

Altre espressioni dell'arredamento ecologico

Nell'ambito del design sostenibile si distinguono tre filoni principali: perché un complemento d'arredo possa essere definito "ecologico" è necessario che i designer e le aziende di produzione seguano almeno uno dei tre stili di sostenibilità.

Il primo filone dell'arredamento green: Zero Waste Design

Il primo filone è rappresentato dallo Zero Waste Design, ossia uno stile caratterizzato da progetti a rifiuti zero, cioè progetti che non determinano la produzione di rifiuti. Si tratta di un approccio al design che permette di creare oggetti riciclando elementi precedentemente scartati. In questo modo, si dà vita a materiali innovativi, spesso caratterizzati da elevate caratteristiche tecniche.

Nell'home design questo filone viene utilizzato soprattutto per la realizzazione di lampade di design. Oggetti che sarebbero finiti nella spazzatura vengono invece riciclati al 100% dai grandi stilisti. Mantenendo forme e caratteristiche del materiale iniziale, i designer danno vita a nuovi stili di illuminazione: bottiglie in vetro, lattine, vasi e anche cartoni da imballaggio possono rappresentare la scenografia di un'ottima illuminazione sostenibile di design che coniuga eleganza, qualità, stile e rispetto per l'ambiente.

Il secondo filone dell'arredamento green: Upcycled Materials

Il secondo filone del design sostenibile è quello degli Upcycled Materials, cioè materiali che vengono trasformati in nuovi elementi per arredare la casa. Il punto di partenza è il recupero di oggetti rotti, che per il senso comune andrebbero abbandonati in una discarica. Ma lo stile degli Upcycled Materials affronta la sfida di ridare nuova vita ai materiali poveri, rovinati, ai prodotti difettosi e ormai danneggiati. Siamo alla frontiera dell'ecodesign, dove il gusto si trasforma per abbracciare i valori del rispetto dell'ambiente e dell'armonia con la natura che ci circonda.

L'approccio dello stile degli Upcycled Materials si differenzia da quello del design Zero Waste perché consiste nel trasformare i materiali, nelle forme e nei colori. Il risultato è costituito da nuovi accessori per la cucina oppure da elementi per l'illuminazione. I prodotti eco-compatibili così realizzati sono spesso in vetro: vengono prodotti bicchieri, caraffe, lampade e altri oggetti utili per la casa.

Il terzo filone dell'arredamento green: Low Impact Living

Il terzo filone del design sostenibile è probabilmente il più comune, il Low Impact Living. È uno stile caratterizzato dalla scelta di prodotti eco-compatibili, cioè realizzati con materiali a impatto zero sull'ambiente. Il Low Impact Living propone complementi d'arredo realizzati con vernici e colle naturali e lampade a basso consumo energetico. Si avvale di modalità di costruzione e realizzazione che rispettano tutte le normative europee sulla sostenibilità ambientale. Questo filone permette di selezionare un gran numero di complementi d'arredo per dare vita a un arredo eco-friendly in piena regola.

L'arredamento ecologico per la casa che rispetta la natura

L'ecodesign impone un primo e fondamentale passo: bisogna scegliere i materiali giusti. Sono molte le aziende che offrono arredamento ecologico, in legno certificato e controllato, o con tessuti di origine naturale.

Per avere un arredamento davvero sostenibile, è fondamentale assicurarsi anche di una serie di particolari e dettagli. Per esempio, l'uso di colori e collanti biodegradabili e senza additivi chimici rappresenta una condizione essenziale perché un elemento d'arredo sia realmente ecologico e costruito nel rispetto dell'ambiente.

Il materiale più utilizzato nell'arredamento ecologico è il legno, in tutti gli spazi domestici: in camera da letto, in cucina e in soggiorno. Lavorato con metodi artigianali, incastrato o incollato con adesivi naturali, il massello è il materiale più ecologico per ogni tipo di mobile.

Per avere la garanzia della massima sostenibilità, occorre rivolgersi ad aziende che utilizzano solo legno certificato, cioè proveniente da coltivazioni appositamente studiate, che non sono frutto di deforestazione. Inoltre, l'arredamento green comprende esclusivamente tessuti naturali, come il cotone, il lino, la canapa o altre fibre di origine vegetale.

Verificare tutti gli aspetti elencati qui sopra consente di vivere in uno spazio arredato con mobili privi di sostanze tossiche e contribuisce ad alimentare l'idea del consumo consapevole alla base dell'arredamento ecologico, bello e rispettoso del mondo naturale.

L'arredamento ecologico per bambini

I bambini toccano tutto e i più piccini assaggiano tutto. Per esplorare il mondo che li circonda, i bimbi di pochi mesi tendono a mettere in bocca ogni oggetto che capiti loro sotto mano. Inoltre, negli anni dell'infanzia, l'organismo è ancora delicato. I bambini devono ancora consolidare un robusto sistema immunitario. Dunque, per creare la cameretta che ospita i riposini, i giochi e i momenti di apprendimento, bisogna orientarsi nella scelta di arredamento ecologico pensato per i bambini. In questo modo, si ha una garanzia in più per la tutela della salute dei più piccoli. Infatti, i mobili ecologici non sono realizzati con materiali potenzialmente nocivi, né vengono assemblati con collanti tossici.

Culle e lettini ecologici in legno danno calore all'atmosfera della stanza e assicurano un ambiente sano perché non danno luogo ad alcuna emissione inquinante. Il legno massello è il materiale sano per eccellenza. Garantisce un buon isolamento termico, è piacevole alla vita, con le sue sfumature intense aranciate o chiare, sulla tonalità del sabbia, ed è piacevole al tatto, liscio e tiepido.

Il soggiorno arredato con mobili ecologici

Il soggiorno arredato con mobili ecologici si caratterizza per la giustapposizione di tutte le sfumature dei materiali della natura, il legno, la pietra e i tessuti come cotone, lino, iuta e canapa. I colori prevalenti, infatti, sono quelli degli oggetti della natura. Il legno e la pietra permettono di scegliere tra una gamma di sfumature pressoché infinita.

Il pavimento in parquet o in marmo è lo sfondo perfetto su cui progettare un soggiorno dall'arredo eco-friendly. L'abbinamento di diverse tonalità cromatiche della scala del marrone crea atmosfere particolari, più distese nel caso si scelgano colori chiari, più decise se la preferenza ricade sui toni scuri, robusti e assertivi.

In natura il marmo è presente in diversi colori. La decisione di realizzare un pavimento in marmo per la propria casa comporta sicuramente un impegno economico considerevole, ma permette di sbizzarrirsi nella scelta del tono cromatico che più appaga i nostri gusti.

I divani ecologici

Il divano è l'oggetto d'arredo che contraddistingue un soggiorno. Se c'è un divano, lì c'è un salotto, un luogo in cui ci si trova con familiari e amici a parlare, leggere, guardare un film e gustare un caffè o un bicchiere di vino. I suoi cuscini e i suoi braccioli sono distintivi dell'accoglienza e della socialità.

I divani ecologici, così come quelli comuni, sono costituiti da un telaio con cinghie elastiche e piedi, un'imbottitura e un rivestimento. Per integrarsi nel contesto di un arredo eco-friendly, il sofà deve essere realizzato con materiali e procedure a basso impatto sull'ambiente, o meglio, a impatto zero.

Il telaio dei divani ecologici

La struttura che garantisce durata e robustezza dei divani ecologici è il telaio. Per avere un prodotto rispettoso dei principi della sostenibilità ambientale, l'intelaiatura deve essere realizzata in legno massello oppure con tubolare metallico. Nel primo caso, si usano le essenze di abete, faggio, pioppo, talvolta il truciolato, ma solo per articoli molto economici. Nel secondo caso, viene spesso usato l'alluminio, facile da reperire ed ecologico.


L'imbottitura dei divani ecosostenibili

I divani ecosostenibili si differenziano rispetto a quelli più diffusi anche per l'imbottitura. Il materiale che riempie i cuscini della seduta, i braccioli e lo schienale deve essere ecologico. La scelta migliore per rispettare l'ambiente è il poliuretano espanso indeformabile. Infatti, è considerato un polimero ecologico perché viene prodotto senza avvalersi di clorofluorocarburi.

La seduta dei divani deve essere più rigida rispetto ai braccioli e allo schienale perché deve sostenere chi si siede. È necessario che in questi punti la densità del materiale sia superiore: così si mantiene più compatto e non si verificano cedimenti che portano alla formazione delle classiche "conche" di sofà e poltrone ormai vissute.

Il poliuretano espanso indeformabile risponde bene alla necessità di costituire sedute resistenti. È caratterizzato da una struttura a nido d'ape che presenta celle aperte e sottili. In questo modo, il poliuretano garantisce leggerezza, ottime proprietà meccaniche, è traspirabile e ha una buona resa elastica. Le cellette che costituiscono la materia del poliuretano possono essere di diverse dimensioni e offrire di conseguenza diversi gradi di densità, dai 35 kg/mq fino a 50 kg/mq.

Una buona densità del materiale favorisce la durata del prodotto perché lo rende più robusto, resistente anche a eventuali giochi dei bambini. I divani ecosostenibili con imbottitura di poliuretano espanso tendono a cedere un po' nei primi mesi di utilizzo. Infatti, le microcelle del poliuretano si rompono quando le persone vi si siedono sopra per la prima volta. Si tratta di un fenomeno del tutto normale che non inficia la qualità del prodotto.

Quando si sceglie il divano per il soggiorno, è bene orientarsi su sedute un po' più rigide di quanto desiderato, proprio in previsione del futuro allentamento dell'imbottitura.

I piedini

Anche nei divani ecosostenibili, i piedini che sostengono la struttura giocano un ruolo importante. La forma viene scelta in base ai gusti personali e allo stile del divano. Il numero di piedini, invece, è legato alle dimensioni del sofà e deve essere sufficiente a garantire resistenza alla struttura in modo che non si verifichi il fenomeno dell'imbarcamento. I sostegni centrali nei divani ecosostenibili più lunghi di 220 – 230 cm servono proprio a rinforzare la tenuta della base del sofà. Per i divani ecologici sono sufficienti quattro piedini, che possono essere in legno oppure in acciaio

Letti ecologici in legno per una camera salubre e confortevole

La camera da letto è forse la stanza che beneficia maggiormente dell'arredo eco-friendly. Infatti, è il luogo del riposo notturno, che occupa molte ore della nostra giornata. L'arredamento ecologico favorisce il buon sonno perché è del tutto privo di sostanze nocive. Ci sono molti fattori da prendere in considerazione quando si desidera allestire una stanza secondo le norme dell'ecodesign.

I letti ecologici in legno massello sono una presenza indispensabile, senza colle sintetiche e coloranti chimici. Dello stesso materiale è bene siano anche librerie, armadi cassapanche e comodini. Per rendere completa una stanza con letti ecologici in legno, i materassi ecologici rappresentano la scelta migliore per assicurare spazi sani dove dormire bene. Sono realizzati in fibre naturali, come bambù, canapa oppure cotone. Come tutto l'arredamento costruito secondo i canoni dell'ecodesign, anche i materassi ecologici devono essere corredati di certificazione specifica che attesta l'autenticità del prodotto.

Prima di scegliere i complementi d'arredo eco-friendly, la camera da letta viene dipinta. Anche in questo caso, è possibile avvalersi di prodotti studiati per non inquinare. Le vernici ecologiche fanno al caso nostro. Sono costituite di sostanze e coloranti naturali e garantiscono la stessa resa delle vernici comuni.

Occorre prestare massima attenzione alla scelta delle lampadine e dell'illuminazione. Infatti, adottare le soluzioni disponibili fanno la differenza in termini di consumo energetico. Ridurre i consumi permette di risparmiare sulle spese complessive della casa e allo stesso tempo è una pratica rispettosa delle risorse ambientali. I LED, le lampadine ecologiche e i pannelli solari sono strumenti indispensabili per una casa veramente ecologica.

L'armadio bio

Nell'arredare la casa secondo le norme della sostenibilità ambientale, si presta grande attenzione alla camera da letto e in particolare ai mobili contenitori ecologici che attrezzano le sue pareti. L'armadio bio ideale per la stanza dove si riposa è in legno massello o lamellare, dipinto con vernici ecocompatibili, privo di viti e bulloni, assemblato tramite incastri.

L'ecodesign in terrazzo e in giardino

Quando si parla di design sostenibile non bisogna mai dimenticare gli spazi aperti. Se per la sostenibilità ambientale negli interni è necessario adottare un arredamento ecologico, a maggior ragione nei giardini e nei terrazzi vanno inseriti mobili perfettamente in armonia con il mondo naturale. Deve essere garantito il massimo rispetto per la natura.

TANTO STILE E DESIGN NELLA TUA CASELLA EMAIL! ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWLETTER.
Per rimanere aggiornato su tutte le ultime tendenze in tema di arredamento e design.

Per fare della tua casa, la casa più bella che c'è!

Le piante andrebbero tenute esclusivamente in cassette di legno e vasetti di ceramica, evitando elementi in plastica. L'illuminazione può essere scelta tra le molte proposte di lampioncini con pannelli solari incorporati, per assicurare un buon risparmio energetico e il minor impatto ambientale possibile. Infine, l'arredo per il giardino e il terrazzo va selezionato tra modelli in legno, in bambù o in altri materiali naturali. Per la cura di questi elementi basterà solo porre maggiore attenzione durante i periodi invernali e piovosi.

I negozi di Mobili Design dove trovare prodotti di tuo interesse