ricerca

MAGAdeSIGN - Dai Negozi di Mobili Design
Fai da te

Comodini fai da te: poca spesa, tanto divertimento

La casa stimola la creatività. Arredarla permette il gioco delle combinazioni, dei colori e delle forme che si rispecchiano o contrastano tra loro per creare un insieme armonioso ma mosso. Talvolta ci si può addirittura improvvisare artigiani e designer di interni.
Succede con i comodini, quei mobiletti indispensabili in camera da letto, dove trovano posto gli oggetti della notte: la lucina facile da accendere che cerchi a tentoni per una fuga al bagno, il bicchier d'acqua preparato strategicamente, il libro da leggere prima di dormire, lo smartphone per l'ultimo messaggino della giornata e per sbirciare timorosamente l'ora.

I comodini fai da te sono un'occasione per risparmiare e per divertirsi. Infatti, oggetti in disuso possono essere assemblati per ottenere creazioni originali con una spesa minima. Alla soddisfazione del risparmio si aggiunge il piacere di aver dato vita a un oggetto imprevedibile che racconta il gusto di chi arreda.

Il riciclo creativo

Molti sono gli oggetti che possono essere trasformati in comodini. Non c'è limite alla fantasia. In alcuni casi non sarà necessario alcun intervento di modifica dell'oggetto da riciclare, mentre in altri il riciclo farà appello alle capacità manuali del proprietario di casa.

Seggiole ormai traballanti, valigie d'altri tempi, cassette della frutta, pallet, recipienti di latta sono tutti manufatti che possono diventare irresistibili comodini fai da te. Reinterpretabili a piacimento, ridipinti del colore preferito, a tinta unita o con svolazzi variopinti, decorati con monili, fiocchi, fiori, adesivi, pupazzetti.

Valigie e comodini, che passione

Il nonno le portava in treno quando ancora c'erano gli scompartimenti con i sedili di legno.
La nonna le teneva nell'armadio, con le fotografie in bianco e nero e le cartoline di una volta.
Le valigette in pelle non si usano più ma sono robuste, pesanti, profumate e diffondono il fascino di un'epoca. Riutilizzate come supporti accanto alla testata del letto, infondono il loro alone magico in tutta la camera da letto.

Se sono di dimensioni ridotte, possono essere sovrapposte, dando vita a un effetto vintage invidiabile. Infatti, ogni imperfezione della pelle rimanda a un vissuto suggestivo e proietta in una dimensione narrativa. Le fibbie e le chiusure dorate rappresentano ornamenti eleganti, discreti e inusuali.

Comodini e cassette della frutta, un sodalizio vegetale

Le cassette della frutta non sono solo oggetti con funzione meramente pratica. Con qualche ritocco e un po' di inventiva possono diventare complementi d'arredo alla moda. In particolare, hanno una vocazione per atteggiarsi da comodini in camera da letto.Di solito sono costruite con legno grezzo che presenta schegge insidiose per le mani distratte. Occorre quindi carteggiarne le superfici, cioè renderle lisce e uniformi con della carta abrasiva. Per questo procedimento sono necessari un po' di pazienza e amore per la manualità.Dopo la levigatura, il legno può essere dipinto con vernici apposite. Per ottenere un effetto naturale si può utilizzare una tintura trasparente che renderà il materiale impermeabile e più resistente.

Comodini shabby chic, pane per il fai da te

Lo stile shabby chic si adatta perfettamente alla realizzazione di comodini fai da te: l'usura e l'invecchiamento degli oggetti che vengono riutilizzati diventano il motivo della loro attrattiva. Sono valorizzati e ricontestualizzati creando ambientazioni caratteristiche, calde, accoglienti.Per essere shabby chic il comodino deve avere un aspetto rovinato. Gli oggetti di colore sbiadito per l'usura del tempo con la vernice parzialmente scrostata e pieni di segni di erosione della patina superficiale sono l'ideale per ottenere complementi d'arredo shabby chic.Il procedimento per ottenere la scoloritura consiste nel decapare il legno, cioè "togliere la copertura", nella traduzione letterale del francese décaper. Sono necessari carta abrasiva, vernici acriliche satinate, pennelli, una candela.

Il primo passo per decapare un manufatto è carteggiarne la superficie così che risulti liscia e uniforme; eventuali imperfezioni possono essere stuccate o mantenute, a seconda dell'effetto complessivo desiderato.
Occorre poi stendere la vernice che si vuole usare come base. Si tratta del colore più scuro che deve affiorare, come se l'invecchiamento del mobile fosse naturale.

Sulle parti in aggetto e sugli spigoli va passata la cera in modo che il secondo strato di vernice venga via facilmente nella successiva fase di carteggiatura. Dopo l'applicazione della cera, si stende lo strato di colore più chiaro rispetto alla tonalità di base.

Non appena la tinta sarà asciutta, sarà possibile effettuare la seconda carteggiatura, il procedimento che permette di far spuntare occhieggiante il colore di base per simulare l'usura del tempo. Per completare l'opera basterà passare una mano di tintura trasparente opaca.

Comodini fai da te in cartone

Dedicarsi a un'attività creativa in compagnia mette di buonumore e fa bene alle amicizie e ai legami familiari. La realizzazione di originali comodini in cartone è una buona occasione per unire le forze, gli ingegni e i cuori. Per dare inizio alle "danze" bisogna munirsi di scatole di cartone, colla mastice e una pistola per colla a caldo.

Si procede tagliando cinque riquadri di cartone della stessa misura. Dopo aver appoggiato uno dei cartoncini su una superficie piana bisogna stendervi il mastice, incollarvi sopra il secondo cartone e procedere in questo modo fino a incollare tutti e cinque i quadrati di cartone, come se fossero una pila di mattoncini del lego. In questo modo si ottiene il ripiano del comodino.

Per le gambe del comodino vanno ritagliati quattro fogli rettangolari di cartone (60 x 30 cm). Ciascuno dei rettangoli deve essere arrotolato su se stesso e incollato. Ogni gamba va collocata a tre centimetri dai due lati adiacenti del ripiano del comodino. Per portare a termine questa operazione bisogna utilizzare la pistola per colla, che deve essere fatta riscaldare due minuti prima dell'uso. Inoltre, occorre maneggiarla con cautela perché la punta molto calda può provocare ustioni.

Altre idee per comodini fai da te originali

Un vecchio e scialbo comodino può essere rinnovato per dar vita a un oggetto simpatico che contrasti con l'arredamento classico, si sposi a un'ambientazione moderna, arricchisca uno spazio in stile rustico. Le superfici del mobiletto andranno carteggiate per essere poi dipinte del colore che si preferisce. Per le decorazioni si possono utilizzare tappi di bottiglia, mattoncini del lego, conchiglie, tappi di sughero.

Anche un'altalena può far la parte del comodino. Sarà sufficiente installare due ganci nel soffitto, avere a disposizione delle cime e una tavoletta di legno. Altri tipi di comodini sospesi sono semplicemente fissati alla parete e possono essere ricavati da vecchi cassetti o da contenitori che non si usano più.

Il comodino è un mobile discreto, occupa poco spazio, sta nella riservatezza della camera da letto, si usa nei momenti più sonnecchiosi della giornata. Eppure, questo piccolo supporto per il bicchier d'acqua notturno e il libro in lettura può dare stile e carattere alla propria casa.

I negozi di Mobili Design dove trovare prodotti di tuo interesse