Mobili Design Occasioni Mobili Classici Occasioni

facebook cerca Menù
  1. NegoziMobiliDesign
  2. MagaDeSign
  3. A come arredo
  4. Come scegliere un tappeto contemporaneo

A come arredo

Come scegliere un tappeto contemporaneo

Condividi su Facebook Condividi su Whatsapp Condividi su Pinterest

I tappeti sono l'imprescindibile complemento d'arredo per rendere accogliente e caldo ogni genere di ambiente. Sia che ci si riferisca ai modelli più classici e tradizionali, sia che si discuta di quelli contemporanei, è questo sempre più l'elemento imprescindibile che rende caldo accogliente e unico uno spazio qualunque sia il suo stile. Neutri o colorati, tinta unita o fantasia, realizzati con materiali pregiati o con fibre più robuste i modelli contemporanei vengono inseriti non soltanto per dare qualità, ma anche per realizzare una certa "completezza" stilistica. Scegliere però un modello che ben si inserisca all'interno di un ambiente e che al contempo si conservi nel tempo può essere un'impresa non facile, non basta, infatti, individuare stile e colore per trovare il modello perfetto. Scopriamo quali sono gli elementi imprescindibili da considerare quando si decise di acquistare un nuovo tappeto.

Le dimensioni contano

Quando si acquista un nuovo complemento d'arredo di questo tipo la prima cosa da considerare è dove questo andrà posizionato, e non soltanto il tipo di ambiente, ma anche precisamente in quale parte della stanza lo si inserirà, valutando bene come prima cosa le dimensioni, ma anche il tipo di arredi già presenti nello spazio. Le dimensioni sono fondamentali per scegliere un modello che ben si integri all'insieme in modo da creare una soluzione armonica e non un limite all'insieme stesso. Il tappeto dovrà quindi essere ben dimensionato agli arredi: per esempio se si sceglie un modello da posizionare sotto il tavolo da pranzo sarà opportuno considerare prima che il tappeto accolga bene tutte quattro le gambe del tavolo. Nel soggiorno o in stanze molto grandi, come per esempio gli open space i modelli di tappeti contemporanei permettono di creare dei giochi interessanti, proprio in situazioni di grandi ambienti, infatti, la composizione di diversi elementi sarà un utile espediente compositivo per definire aree diverse e quindi separarle anche in assenza di pareti o di elementi divisori.

L'importanza del materiale e delle lavorazioni

Il secondo elemento fondamentale è rappresentato dalla composizione e quindi dal tipo di materiale con cui il tappeto è realizzato. In commercio si trovano infinite componenti, soprattutto per i modelli contemporanei, si va dalle fibre naturali come il cotone, la lana e la seta ai materiali sintetici come il nylon o il polipropilene. Importante nella scelta del materiale non sarà soltanto dall'estetica, ma anche l'uso che del tappeto si vorrà fare, per esempio componenti come il nylon o proprio il polipropilene sono perfetti per soluzioni outdoor perché consentono di realizzare tappeti estremamente resistenti e dall'estetica molto accattivante. Fra le componenti tradizionali la lana è sicuramente una delle più utilizzate e amate, estremamente versatile permette una vasta gamma di configurazioni a seconda di come la si lavora e regala una grande qualità dal punto di vista tattile, oltre a essere particolarmente resistente sia alle macchie sia all'usura. Alternata e non alla lana troviamo la seta, probabilmente il materiale più pregiato, anche nel caso dei tappeti contemporanei permette di creare modelli di grande qualità con giochi cromatici importanti. Il suo impiego regala tappeti estremamente morbidi e ricchi di lucentezza. Ai materiali fa eco poi la lavorazione, fatta o meno a mano (come nel caso dei modelli annodati e/o cardati a mano), che quanto più complessa è tanto più aggiunge importanza e qualità al manufatto rendendolo talvolta una vera e propria opera d'arte di grande valore.

Trovare qualcosa che si armonizzi con lo stile

Terzo elemento da considerare è sicuramente lo stile e di conseguenza come "adeguare" il tappeto a l'insieme. Nel caso di un nuovo tappeto le strade da perseguire potrebbero essere due: orientarsi su qualcosa di semplice e neutro che sia in continuità con le finiture, i colori e gli arredi già presenti o puntare su un elemento "di rottura" che crei all'interno dello spazio un nuovo baricentro visivo su cui far ruotare tutto il resto. Nella scelta di una soluzione piuttosto che di un'altra molto dipenderà dall'effetto finale che si vorrà ottenere, dal tipo di ambiente in cui il tappeto andrà inserito, dallo stile d'arredo già presente all'interno dello spazio e dall'importanza che a questo elemento si vorrà dare. Tinta unita e neutro o variopinto e ricco il tappeto dovrà comunque sempre essere parte dell'insieme e mai troppo avulso dal resto, quindi dovrà avere uno stile in linea con lo spazio che lo ospita. Puntare su un modello dal pattern grafico o su qualcosa di più discreto atterrà alle preferenze personali e alla visione complessiva degli interni.

Complementi d'arredo fondamentali, i tappeti non solo arredano, ma definiscono lo spazio dando a questo qualità estetica e grande personalità. I trend più nuovi e interessanti legati a questi elementi puntano su materici giochi di ton sur ton realizzati anche con lavorazioni diverse, ma anche su pattern grafici policromi e optical che strizzano l'occhio all'arte moderna e, interessante novità, su particolati giochi di sovrapposizioni ottenuti posizionando i diversi elementi uno sopra l'altro.

Claudia Schiera

Condividi su Facebook Condividi su Whatsapp Condividi su Pinterest

Iscriviti alla newsletter
Rimani aggiornato su tutte le ultime tendenze in tema di arredamento e design.

A come arredo
potrebbe interessarti anche